Il Ministro Carrozza alla festa del PD a Siena. La flc-cgil le consegna il proprio documento “La scuola postgelminiana: cronaca di una morte annunciata”

Domenica 25 il Ministro Carrozza è venuta a Siena, in occasione della festa del PD, per partecipare a un dibattito sui problemi dell’Università, al quale hanno preso parte anche il deputato del PD On. Luigi Dallai, il rettore dell’Università degli studi di Siena Angelo Riccaboni e il rettore dell’Università per stranieri di Siena Massimo Vedovelli. Nel suo discorso introduttivo il Ministro ha parlato molto di scuola e dell’importanza di ricominciare a investire nei comparti della conoscenza per realizzare un progetto che definisca senso e scopo dei settori dell’istruzione. La flc-cgil ha dunque colto l’occasione per introdurre e consegnare al Ministro Carrozza e all’On. Dallai uno studio, condotto dalla flc-cgil di Siena, che indaga gli effetti della riforma Gelmini sugli investimenti pubblici in istruzione nel nostro Paese con un dettaglio sulle ricadute occupazionali in Toscana e nella provincia di Siena. Di seguito il discorso di presentazione al documento, fatto da Anna Cassanelli, l’intervento sui problemi dell’Università, fatto da Andrea Machetti e il documento “La scuola postgelminiana: cornaca di una morte annunciata”. Il Ministro si è mostrato attento e disponibile ad accogliere le nostre proposte, ma ovviamente ciò che noi attendiamo sono i fatti, nel più breve tempo possibile, perché i comparti della conoscenza non possono più aspettare. Il nostro sindacato andrà avanti con la propria azione di pressing sul MIUR perché cambiare si può, cambiare si deve.

 

La FLC-CGIL di Siena

Presentazione documento

Intervento sull’Università

La scuola postgelminiana_cronaca di una morte annunciata

 

Lascia un commento

I commenti sono moderati e saranno pubblicati soltanto dopo l'approvazione di un amministratore del sito.

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>