Pensioni: una riforma strutturale che cambia le regole. Le tabelle con i nuovi requisiti

Doveva essere una manovra per il rigore e la crescita: è rimasto solo il rigore a carico dei soliti noti.

La riforma delle pensioni, elemento portante del decreto “Salva Italia” del governo Monti, interviene in tempi ristretti sull’aspettativa dei lavoratori di veder esigibile il diritto al pensionamento così come configurato nella legislazione vigente. Nello stesso tempo non procura rimedi per le pensioni dei giovani, spesso precari o disoccupati, anzi rischia di rendere più difficile il conseguimento di una pensione dignitosa. Già da ora con il sistema contributivo non sarà possibile avere dopo 40 anni di lavoro (ma chi li potrà raggiungere!) una pensione che corrisponda alla metà dello stipendio. In allegato una scheda di approfondimento e le tabelle con i nuovi requisiti per l’accesso alla pensione.   Scheda FLC CGIL interventi sulle pensioni, Decreto Monti – 27 dicembre 2011

Lascia un commento

I commenti sono moderati e saranno pubblicati soltanto dopo l'approvazione di un amministratore del sito.

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>