Legge di stabilità 2012. Penalizzati ancora i settori della conoscenza

Migliaia di posti di lavoro Ata in meno nella scuola, blocco dell’anzianità nell’alta formazione, sotto tiro l’anno sabbatico dei docenti universitari e dei ricercatori. 170 milioni in meno ai settori pubblici, 20 milioni alle università private. Mentre la scuola paritaria ottiene il ripristino integrale dei fondiLa crisi non è uguale per tutti. Il pubblico paga e il privato lucra. Questo è il senso della legge di stabilità 2012 che ha ottenuto da pochi giorni il via libera del Consiglio dei Ministri. Perché diventi legge bisognerà aspettare almeno un mese. E cioè la conclusione dell’iter parlamentare e la successiva pubblicazione in G.U. Si tratta di un’ennesima pessima legge alla quale la FLC presenterà proposte emendative che invierà nei prossimi giorni ai gruppi parlamentari. clicca per approfondire

Lascia un commento

I commenti sono moderati e saranno pubblicati soltanto dopo l'approvazione di un amministratore del sito.

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>