REGOLAMENTI SECONDARIA SUPERIORE: PARERE NEGATIVO DEL CONSIGLIO DI STATO

Dopo le bocciature del CNPI e della Conferenza delle Regioni su licei e istituti professionali, ed il giudizio critico sugli istituti tecnici, subordinato all’accettazione di non banali correzioni, sui regolamenti della secondaria superiore arriva anche il parere negativo del Consiglio di Stato.

È la conferma che le nostre osservazioni fortemente critiche erano più che fondate.

Ribadiamo ora con maggior forza che è il caso di fermarsi, rinviando di un anno l’entrata in vigore dei regolamenti: di ascoltare le ragioni di quanti non hanno condiviso merito e metodo del riordino della scuola secondaria superiore; è necessario rimuovere i tagli e, solo a questa condizione, riprendere le fila per una vera riforma che necessita non di tagli ma di investimenti, di tempo per l’ascolto ed il confronto vero.

I diritti degli studenti, genitori e dei lavoratori della scuola vanno rispettati e non possono essere sacrificati sull’altare delle esigenze di risparmio, in un’ottica economicistica di corto respiro che condanna il paese ad un destino di marginalizzazione a livello internazionale.

Per queste ragioni, dopo la straordinaria mobilitazione dell’11 dicembre, le nostre iniziative continueranno per difendere la scuola pubblica.

Lascia un commento

I commenti sono moderati e saranno pubblicati soltanto dopo l'approvazione di un amministratore del sito.

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>